Un’isola felice

Un amico della mia amica Cristiana circa una decina di anni fa, dopo i  18 anni, decise di trasferirsi  da Lucca, città dove risiedeva e viveva con la famiglia ,  all’Isola della Capraia ( una delle sette isole dell’Arcipelago Toscano), con l’intento di fare il  pescatore. imagesConosceva il posto (  isola di 19 kmq con circa 300 residenti ) perché ci andava in vacanza tutte le estati con la famiglia, ma si sa bene che  dalla vacanza alla realtà di tutti i giorni,  il passo può essere molto lungo. Oggi, ci vive con moglie ed un figlio piccolo e passa le giornate facendo il pescatore, con la suo piccolo gozzo.  Le poche volte che torna alla casa di origine, a Lucca, che pure è una piccola città di provincia, non resiste più di un paio di giorni; si sente come fuori luogo, ansioso, spaesato, quasi in pericolo. Deve rientrare velocemente a Capraia per respirare la ”sua” aria. Là a parte le bellezze naturali e storiche che compongono l’isola,  non si usano chiavi per chiudere la casa,  si calzano zoccoli o ciabatte quasi tutto l’anno e nei giorni di mal tempo si passano le ore con i paesani nei punti di ritrovo sull’isola, in attesa che torni il sereno.images (1)

Nelle nostre città quello che avviene ancora oggi sull’Isola di Capraia forse si viveva un secolo fa.

L’evoluzione della storia ci ha portato a non fidarsi più l’uno dell’altro. Vediamo agguati dappertutto visto che il sospetto è divenuto organico nei rapporti con il prossimo. Il terrore di essere ingannati sta prendendo il sopravvento sull’istinto di solidarietà che pure è alla base dell’esistenza umana.

images (2)I fatti vissuti direttamente, gli eventi occorsi ai nostri cari , le notizie sentite raccontare ogni giorno; tutto questo ci ha portato ad una diffidenza che sta segnando rapporti sempre più freddi.  Così …fidarsi è bene, non fidarsi è meglio…. Abbiamo perso il sorriso, in certi casi si rischia di perdere la salute.

C’è da capire se il nostro interlocutore ci sta raccontando la verità o una bugia. …. Ti ricordi di me ?…. Mi hai rotto lo specchietto della macchina ? …Scusi, mi mette una firma  ?…. C’è una mail per te da parte della banca….Finti tecnici del Comune suonano a casa … Pronto, sono un avvocato amico di suo figlio…

images (3)Dalle rapine sia in casa che per strada, alle pubblicità ingannevoli, ai funzionari di banca che cercano di appiopparti prodotti altamente rischiosi, alle negligenze di medici o infermieri poco attenti, alle campagne per medicine alternative verso persone disperate, ad internet nel quali si si può trovare grandi occasioni ma anche criminali e veri e propri inganni, alle truffe sempre nuove, che tu con difficoltà riesci ad intercettare ed a capire.Oggi nel nostro mondo è possibile imbattersi in avventure poco piacevoli, all’improvviso,  senza il minimo preavviso. A parte qualche “isola felice”, che resiste ancora, come ad esempio l’ Isola di Capraia.

Purtroppo anche con la buona volontà di ognuno, fidarci dell’altro oggi come oggi sembra un salto nel vuoto ; forse è preferibile lanciarsi dalle suggestive rocce scoscese a piccolo sul mare dell’Isola di Capraia. Almeno lì sappiamo dove si va a cascare …

Pubblicato in Notizie e con Tag , , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

17 − diciassette =