Tutti al pari di una scatola

Il nostro paese è fatto di eccessi, lo sappiamo, ed uno di questi si può riscontrare generalmente anche  alla nascita di un figlio . Mesi e mesi di preparativi e  liste di regalo nei negozi specializzati, con ogni bendidio. Imponenti culle o lettini altamente tecnologici aspettano con apprensione il bebè .

Tutto deve essere predisposto in maniera adeguata, senza lasciare niente al caso. Sembra quasi una gara tra famiglie a chi prepara di più e meglio. E quasi mai siamo pienamente soddisfatti, perché pensiamo che altri abbiano fatto di meglio per il proprio figlio.

Anche le aziende del settore  stanno al passo con i tempi ed hanno  ideato  articoli, fatti da elementi trasformabili,  perfetti in ogni momento della crescita,  capaci di venir su insieme ai nostri figli, in modo tale da favorire le esigenze dei bambini e soprattutto dei genitori .

 

Invece in Finlandia  solo una misera scatola di cartone contenente il necessario per il bambino . Il governo finlandese,  da settantacinque anni,  regala alle donne in attesa di bambino una scatola di cartone,  che poi viene utilizzata come letto , contenente tutto l’occorrente per i primi mesi di vita ( materasso, lenzuola, coperta, trapunta, tutto il vestiario necessario, accappatoio, asciugamani, forbicine, spazzola per capelli, termometro da bagno, creme, ecc. ).

Dunque la scatola con il materassino diventa il primo letto di un bambino finlandese, di ogni estrazione sociale.  Questa tradizione che risale al 1930, non è stata mai accantonata, anche perché le statistiche dicono che la Finlandia ha uno dei tassi di mortalità infantile tra i più bassi del mondo.

E chi dice che le mamme finlandesi sia meno contente di quelle italiane ? Anzi, da un recente studio, è confermato che le mamme finlandesi sono le più felici al mondo. E poiché il contenuto della scatola non è mai uguale, ogni volta provano  una autentica  emozione nel vedere  cosa  c’è dentro !

Pubblicato in Capsule del sapere e con Tag , , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

venti + 8 =