Social: i confini non si toccano

Ora che dalla porta principale stavano entrando molti “senior, i “junior”, senza dare troppo nell’occhio, sono usciti (dalla porta secondaria), perché non più attratti o perché comprendono che l’età media si è forse troppo innalzata.

Le porte sono quelle di ingresso e di uscita di Facebook, che a quanto pare è già un social superato per i giovani. Quasi snobbato dai giovanissimi, risulta in calo anche negli utenti in età non superiore ai 25 anni.

Pare che Facebook sia diventato … da vecchi… e così i giovani si sono trasferiti, o meglio, hanno migrato, senza troppi proclami, su Instagram, attirati dalle foto e dai video e su SnapChat, dove l’interazione usa e getta sembra più reale al contesto di un ventenne.

Proprio ora che i genitori ed i nonni avevano fatto boom ed erano diventati utenti importanti su Facebook, felici di condividere e scambiare esperienze tra loro e con i figli, nipoti ed i loro amici.

Ma questa speranza è durata poco. I confini tra il mondo giovanile e quello degli adulti, con questa mossa, sono stati rimarcati.

Pubblicato in Cultura - Media, Mondo, Notizie. Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quattro + diciotto =