Sharing Economy parte 1 – Il Bike Sharing

Con questo, vogliamo iniziare una serie di articoli dedicati alla Sharing Economy, uno dei fenomeni più eclatanti e singolari che il cittadino medio ha escogitato per affrontare questa crisi che sembra non avere mai fine.bici2

Iniziamo con il Bike Sharing che è senza dubbio il più immediato e facilmente usufruibile da chiunque dato che questo servizio lo troviamo già installato in molte città italiane. La bicicletta è il mezzo pratico ed economico per eccellenza alternativo al trasporto urbano tradizionale. Per questo motivo la sua condivisione sta prendendo sempre più piede anche in Italia. Le aziende concessionarie di questo servizio sono due, Bicincittà e Bikemi che, a seguito di bandi comunali, installano per conto della città che lo richiede, vere e proprie postazioni nelle quali vengono custodite le biciclette a disposizione dei cittadini. La somma investita da un singolo comune va dalle 200 alle 500 mila Euro a seconda della grandezza della città.

 Alla concessionaria spetta la manutenzione delle postazioni e delle biciclette. Il servizio deve essere curato nei minimi particolari per invogliare il cittadino ad utilizzarlo sempre di più. Quindi biciclette sempre in ordine e funzionanti, stazioni di prelievo sempre pulite e vicine tra loro e assistenza completa in caso di guasto della bicicletta stessa.bici1

Abituati allo standard di vita nelle nostre città, sembra quasi di essere di colpo proiettati nel futuro. E invece questo è il presente di luoghi come Torino, Milano, Genova, Bari, Pisa, Catania nelle quali il servizio di Bike Sharing è già installato e funziona a meraviglia. L’utente per poter usufruire del servizio paga una somma giornaliera che difficilmente supera i 5 euro. Ma si possono effettuare anche abbonamenti mensili o annuali a costi veramente convenienti. A Pisa ad esempio il costo annuale è pari a 35 euro e sono addirittura previste riduzioni per studenti. Il servizio è ottimo per brevi spostamenti e si può riconsegnare la bici anche in una stazione diversa da quella in cui la si è prelevata. A Napoli il servizio dovrebbe partire entro la fine del 2013 grazie all’associazione CleaNap nata nel 2011 allo scopo di ripulire questa splendida città dall’immondizia. E qui addirittura si potrà utilizzare la bicicletta in maniera gratuita per la prima mezz’ora creando di fatto la possibilità di fare brevi spostamenti a costo zero.

I ritorni economici per i comuni che hanno già adottato il bike sharing come forma di mobilità non sono imminenti; si prevede comunque che possano aumentare in futuro quando queste iniziative saranno sostenute anche dal mercato pubblicitario. Per ora quindi si investe soprattutto in miglior qualità della vita dal momento che ad un maggior utilizzo delle biciclette dovrà necessariamente seguire un minor utilizzo delle autovetture per i brevi spostamenti cittadini.

E comunque i numeri dicono che questo fenomeno in Italia è in costante crescita anche se, ovviamente, può essere considerata una moda e come tale ha sicuramente bisogno di un periodo di rodaggio per riuscire a modificare definitivamente le restie abitudini degli Italiani.

Pubblicato in Economia -Lavoro e con Tag , , , , , , , , , . Usa il permalink.

Un commento a Sharing Economy parte 1 – Il Bike Sharing

  1. Pingback: Sharing Economy parte 1 – Il Bike Sharing | bikelcomo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

dodici − 7 =