Questa è la tua tessera personale

Questa mi sembra proprio una bella idea, forse un poco costosa, ma tecnologicamente avanzata e coerente con la formazione e la crescita di ognuno.

E quando i soldi sono spesi bene non dobbiamo lamentarci.

Perché l’iniziativa tende ad organizzare e regolamentare, dà un valore morale ad ognuno, responsabilizza ed assegna ad ogni persona uno strumento rilevante ai fini legali, anche perché contenente dati personali, che non può essere distrutto né smarrito (nel caso è obbligatorio procedere con la denuncia ai Carabinieri)

La tessera è un badge, come quello che si usa nelle aziende per timbrare l’entrata e l’uscita.

Il fine è lo stesso, rilevare l’entrata, ma stavolta non viene assegnato a dei lavoratori ma a tutti gli studenti di scuola superiore del liceo Frisi di Monza.

La tessera, consegnata ad ogni alunno il primo giorno di scuola, strettamente personale e riservata, dà certezza dell’orario di ingresso, scoraggia i ritardi che poi devono essere giustificati e fa stare più tranquilli quei genitori che possono avere il timore che il proprio figlio “salti” la scuola ed aiuta a capire il perché dei continui arrivi dopo il suono della campanella, se teoricamente non previsti.

L’informatizzazione è ovunque, bene introdurla anche a scuola, se possibile.

Anche per far crescere responsabilmente ogni cittadino.

Pubblicato in Politica - Scuola - Società e con Tag , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 × 4 =