Pitigliano, Sorano, Sovana, Saturnia: borghi tutti da visitare

Nell’aprile 2015 ci fu regalato un soggiorno di due giorni in un agriturismo vicino a Sorano.

Io e Betta abbiamo girato in lungo e in largo la zona, che merita un viaggio di più giorni. Infatti, oltre ad essere molto bella dal punto di vista paesaggistico, con una campagna coltivata per lo più a vigneti ma anche con allevamenti di pecore, vi sono vari paesi tipici,  molto caratteristici.

Il più famoso è Pitigliano. Costruito su un colle tufaceo, è molto scenografico se visto dalle alture circostanti. Belle anche le sue stradine pedonali e il suo quartiere ebraico, che merita una visita. È tutt’ora abitato e sorvegliato dalla polizia.

Altro paese molto caratteristico è Sorano. Da non mancare la salita sulla rocca, da dove si può vedere dall’alto il paese con i suoi tetti grigi e i suoi vicoli che si intrecciano, nei quali poi potrete “perdervi”. Bella anche la vista della Rocca e del Borgo che si gode risalendo dalla parte opposta.

Suggestiva poi Sovana, piccolissimo borgo, grazioso, con una piazza molto scenografica e due chiese veramente belle.

Non lontano ci sono poi le Terme di Saturnia, noi siamo andati in quelle esterne, era un giorno lavorativo di aprile, eppure erano affollate lo stesso. Meglio quindi evitare i giorni di maggior afflusso. La zona, oltre ad essere molto bella, merita visitarla anche per  la possibilità di immergersi gratuitamente nelle vasche naturali di acqua termale, per poi lasciarsi massaggiare dalle cascate.

L’immancabile passeggiata l’abbiamo fatta da Pitigliano per le varie “vie cave “,  che si diramano dal paese. Si tratta di strade scavate dagli Etruschi nella roccia tufacea dalle pareti altissime, che venivano usate come collegamento tra i diversi borghi della zona.

Quella da noi percorsa è stata la via cava di San Giuseppe, che partendo da Pitigliano, scende verso il fiume, attraversa la provinciale e ci conduce in una quarantina di minuti, ad una fontana scavata nella roccia. Lungo il percorso si incontra pure una necropoli etrusca.

 

Pubblicato in I viaggi di Giorgio e Betta e con Tag , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

due × 1 =