Pensieri in viaggio

A ritorno da tre giorni trascorsi in Svizzera tra Zurigo e Lucerna, dove le strade sono pulitissime, c’è molto verde ( anche se in questo periodo era coperto da un manto di neve ),  organizzazione,  ma anche dinamicità e vivacità, rientrando in Italia, transitando in auto sulla tangenziale ovest di Milano, nella mente mi si intrecciavano in rapida successione quanto appena visto e l’ordinarietà delle nostre città, associata alle notizie degli ultimi tempi che i nostri media ci fanno conoscere.

immagineSe in Svizzera una corretta gestione della cosa pubblica, il buon senso civico ed il rispetto della legalità sono funzioni semplici da realizzare per uno stato organizzato, tali caratteristiche  però possono diventare montagne insormontabile per quegli stati i cui cittadini e funzionari pubblici antepongono il benessere personale a quello collettivo. Così mi vengono alla mente le più recenti notizie dell’Italia come gli intrecci mafia-politica, l’ assenteismo sui luoghi di lavoro e le opere pubbliche già inutilizzabili a pochi giorni dall’inaugurazione.

Andando avanti nel viaggio e nei pensieri , ad un certo tratto di strada, sempre sulla tangenziale ovest di Milano,  vedendo le indicazioni per l’uscita di Buccinasco, mi sono tornate alla mente altre oscure  vicende, che hanno visto salire agli onori ( disonori ) della cronaca questo piccolo paese della periferia milanese.

Ed allora vorrei ricordarle, perché nel nostro paese purtroppo c’è il vizio di dimenticare troppo in fretta.

Ripartendo dal 2010, l’allora Ministro degli Interni, leghista , ora Presidente della Regione Lombardia, rispondeva duramente alle accuse avanzate dalle scrittore Saviano, circa la presenza delle mafie in Lombardia, dicendo pubblicamente che  la “ndrangheta è roba solo da terroni;  in Lombardia e a Milano la mafia non esiste “.

A parte che anche i recenti scandali ( esempio l’Expo ) hanno dimostrato l’esatto contrario, tali affermazioni dovevano essere, per usare un eufemismo,  misurate con molta più prudenza, vista la carica ricoperta,  anche perché le indagini, gli arresti e la situazione delle periferie milanesi raccontavano l’esatto contrario .

immagineMa soprattutto una notizia su Buccinasco mi aveva, a suo tempo,  molto colpito. Risale al 2009, pertanto un periodo ancora precedente alla dichiarazione del Ministro. La storia racconta che lo scrittore britannico di romanzi polizieschi, Frederick Forsyth si era rivolto all’FBI per essere consigliato su un luogo da visitare in Italia,  per trarre ispirazione per il suo prossimo libro, un romanzo sulle mafie e sul traffico mondiale di cocaina.

Per quanto riguarda l’Italia e l’Ndrangheta, i consigli dell’FBI allo scrittore furono precisi e puntuali. Visitare  Buccinasco. Udite, udite ! Non la Calabria, la Campania, la Puglia o la Sicilia, ma l’FBI aveva consigliato allo scrittore, di visitare Buccinasco, un piccolo paese dell’hinterland milanese.

Frederick Forsyth, per questo trascorse una settimana a Milano visitando  i luoghi simbolo della ‘ndrangheta e parlando direttamente con i carabinieri del Ros, con i poliziotti della narcotici, con i magistrati con l’ex sindaco di Buccinasco,  Maurizio Carbonera, più volte minacciato dalle cosche . Lo scrittore così era riuscito a prendere importanti spunti per il suo nuovo romanzo.

Così il viaggio di ritorno verso casa si è snodato tra i bei ricordi del territorio svizzero appena visitato e le molte contraddizioni del nostro paese.

Contraddizioni che non vorremmo più patire sia nella vita quotidiana di noi tutti cittadini,  che in quella di coloro che dovrebbero governarci. Governanti che troppo spesso mettono ancora in scena quel “teatro dell’assurdo”, con cinismo e falsità , con l’unico scopo di impressionare ed accattivarsi il consenso elettore, mettendo al primo posto quasi sempre i soldi.

Il viaggio è finito, sono arrivato alla meta, ma il nostro paese ha bisogno di nuove figure ed importanti progetti da far ripartire.

Pubblicato in Politica - Scuola - Società e con Tag , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quattro × 2 =