Parla forte e chiaro !

Ripetiamo tutti per dieci volte di seguito , mettendo una matita in mezzo ai denti, il seguente scioglilingua: “Farò incetta di chiavacci, lucchettini, catenacci, serrature, chiavistelli, toppe, chiodi, spranghe, arpioni, non son poi di quei babbioni che si fanno infinocchiare.”  Dopo la sensazione dovrebbe essere di  scioltezza ed un miglioramento immediato della dizione.

Perché questo esercizio ? Perché si fa sempre più fatica a capirci, nel senso stretto del termine,  visto che :

–              c’è sempre più gente  che biascica le parole;

–              siamo sempre di corsa ed in movimento,  che  quando si parla a qualcuno abbiamo la testa e la bocca da altra parte, rendendo arduo che il percorso del suono possa arrivare al destinatario;

–              circondati da rumori di ogni genere, distratti dagli strumenti tecnologici, succede sempre più spesso di non afferrare le parole che l’altro ci dice .

Ma cosa hai detto? Non ho capito assolutamente un bel niente “ . Prima questa frase si pronunciava  quando qualcuno parlava in dialetto oppure in altra lingua.

Oggi  il problema è talmente comune , anche se  si parla  la stessa lingua, che per comodità richiediamo  la ripetizione della frase non compresa,  usando i termini  “è ? ” oppure  “come ? ”.

immagine

Un giorno, per esempio,  ero  in anticipo rispetto ad un appuntamento ed il  luogo d’incontro era  una strada pedonale molto transitata. Nell’attesa  mi sono messo  lungo il bordo strada ed  ho osservato, quasi per gioco, le conversazioni tra  pedoni e ciclisti che transitavano .  Era un continuo  ripetere frasi,  intercalate da “come ? ”, “è?”

Tornare a rieducare e soprattutto  a valorizzare  la voce, strumento principe della comunicazione, accompagnando il tutto da una corretta  posizione complessiva del corpo, direzionata  verso  colui o coloro che prendono parte al dialogo.

Esercitiamoci e facciamo esercitare i nostri figli a scuola ad imparare ad articolare le parole. Come ?

Almeno pronunciando con precisione e chiarezza ogni sillaba e le parole fino in fondo, timbrando le vocali, articolando ogni parola per migliorare la dizione.

Poi se volessimo andare oltre …. per  arrivare ad avere una bella voce…  ci sarebbero  anche altri esercizi  che lasciamo  tra parentesi  ( imparare a respirare con il diaframma, vocalizzare, articolare a denti stretti, registrare la propria voce, riascoltarla, ) dato che sarebbe già  un bel  successo ritornare a parlare forte e chiaro !

Pubblicato in Cultura - Media e con Tag , , , , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

venti + 6 =