«Oooorder!»

Tralasciando giudizi o commenti sull’arte del governo e su eventuali altre questioni giudiziarie, devo dire che sono pochi i politici che ricordo con simpatia e che, a volte, mi hanno messo di buon umore.  In passato Andreotti, brillante parlatore con un sottile humor, il Berlusconi degli anni d’oro, con le battute, gli aneddoti, le barzellette e qualche comportamento un po’ stravagante (come non ricordare al G20 di Londra, dove si scattava la foto ufficiale, quando Berlusconi viene richiamato dalla Regina Elisabetta perché urla a gran voce cercando di farsi notare dal Presidente degli Stati Uniti … Mr. Obama!…) e perché no, le metafore di Bersani.

Più passano gli anni nell’era tecnologica e più un politico che vuole arrivare per attirare il consenso deve, oltre che piacere, anche dire cose più che semplici, semplicistiche. Ma sempre più spesso l’eccesso di loquacità, trovando campo nei vari canali su internet, arrivando ben oltre il terreno politico (vita privata, sport ecc.), a lungo andare può rischiare di annoiare e soprattutto far sbagliare, anche perché come dice il detto …il troppo, stroppia…

In questo periodo il politico più simpatico (anche se sta per lasciare l’incarico nel parlamento londinese, in quanto dimissionario per divergenze con la linea del suo partito sulla Brexit), per me è un inglese.

Si chiama John Bercow. Ai più il nome non dirà nulla, ma è un parlamentare qualunque visto che ha il delicato incarico di Presidente del Parlamento, compito che sta cercando di svolgere con la massima correttezza, trasparenza ed onestà, soprattutto in un momento molto delicato come lo è quello attuale in Gran Bretagna.

Perché è simpatico? Perché oltre alle tante eccentriche cravatte che indossa, la sua particolarità è data dalla modalità con cui richiama all’ordine i deputati nell’Aula.

Il suo «Oooorder!» (ordine!) viene modulato nelle tonalità più stravaganti (trascinato, ascendente, discendenti ecc.) e le sue performance sono diventate, chiaramente, molto gettonate anche sul web.

Eccole, e poi ditemi se non è simpatico….

Pubblicato in Cultura - Media, Politica - Scuola - Società e con Tag , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

17 + sette =