La riscossa del cibo brutto

Fino a poco tempo fa i consumatori osservavano con diffidenza il  cibo brutto  esposto per la vendita. Veniva acquistato per ultimi fino a quando le grandi catene dei supermercati decisero che  era meglio scartarlo fin dall’inizio , anziché presentarlo sui banchi .  Forma non lineare, a primo impatto si stentava a capire che  prodotto fosse, anche se era genuino e saporito.

immagine1

Il marketing imponeva il bello, il colorito, il grande. Così ancora in molti supermarket ci imbattiamo in prodotti quasi da cartolina. Per esempio le fragole , enormi, gonfiate, deformate geneticamente, di un rosso acceso mai visto.Così oggi i prodotti rispondono alla logica dell’immagine, tutto passa dall’aspetto, dall’ apparenza. Ma il gusto e la genuinità non ci sono. Anzi spesso sono dannosi per la nostra salute.

A noi le confezioni di questi prodotti immagine non piacciono, in tutti i sensi. E cominciano a non piacere a molti, che si rivolgono ai mercati contadini dove c’è ancora,per esempio,  una piccola fragola, normalmente dotata, però dal sapore squisito. E non solo.

Sia in Italia che in Europa è in atto la riscossa del cibo “brutto” al fine di combatte lo spreco alimentare, non più sostenibile, ai giorni d’oggi.

Due esempi , nella grande distribuzione, per fare meglio comprendere il movimento positivo in atto.

In Francia la catena di supermercati Intermarché, nel 2014, ha deciso di tagliare gli sprechi, costruendo una vera strategia di marketing sui prodotti che un tempo venivano cestinati alla fonte. Così  in un’area dedicata del  centro commerciale si possono trovare i prodotti “brutti” esposti tutti insieme, con un imballo che  ne esalta la stranezza delle forme. Con un prezzo ribassato di circa un 30%, il successo commerciale è stato immediato, con esaurimento delle scorte.immagine

In Germania invece  dal 2012 esiste Culinary Misfits ( scherzi della natura ), un’azienda di catering che prepara piatti utilizzando solo frutta e verdura scartati da ristoranti e supermercati per via della loro strana forma o per colpa di qualche ammaccatura. Il catering offre servizi per eventi di ogni genere e grado.

Così abbiamo visto due semplici esempi, pronti a sfatare il luogo comune che la comunicazione marketing ci aveva cercato di infondere, secondo cui il cibo è buono solo se è bello.

Pubblicato in Cultura - Media e con Tag , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

15 + dodici =