La Provenza e i campi di lavanda

Nel 2015 abbiamo scelto di visitare la Provenza a fine giugno, in quanto in tale periodo ci sono i campi di lavanda in fiore.

Non ce ne siamo pentiti. Effettivamente c’erano molti campi viola o lilla, alcuni piccoli e racchiusi in  valli in mezzo alle colline, altri molto grandi. Lo spettacolo è veramente notevole e inusuale.

In alcuni di questi campi abbiamo trovato delle ragazze cinesi. Ci siamo informati dal padrone di un b&b dove abbiamo dormito e ci ha detto che a loro piace molto questo territorio, addirittura ci hanno ambientato uno sceneggiato, come pure alcune coppie cinesi vengono a sposarsi in mezzo ai campi!

Inutile dire che troverete da acquistare prodotti alla lavanda (miele, saponette, essenze, ecc.) nei piccoli laboratori artigianali, ma a volte anche su banchetti improvvisati lungo le strade.

Vi sono poi paesini molto pittoreschi che vale la pena di visitare. I più carini sono Gordes e Roussillon. Quest’ultimo è molto caratteristico, le sue case sono rosse e da lì si può fare una facile passeggiata (a pagamento) su una collina dalla terra rossa e gialla in mezzo ad una pineta.

Spettacolare, ma molto frequentata e con poco parcheggio è l’Abbazia di Senanque, consigliamo di andarci molto presto. Merita sicuramente fare una foto all’Abbazia con davanti i campi di lavanda in fiore.

Come città invece, oltre alla capitale della Regione, Aix en Provence, bella ed elegante, la più caratteristica è Apt en Provenza.  Andateci il sabato mattina, quando per le vie del centro storico c’è un bel mercato con numerose bancarelle di prodotti agricoli e artigianali locali.

Il posto più spettacolare per la lavanda è però l’Altopiano di Valensole, dove ci sono campi sterminati di coltivati a lavanda veramente spettacolari. Grazioso il vicino paese con una bella fontana nella piazza principale.

Pubblicato in I viaggi di Giorgio e Betta e con Tag , , , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sette + diciassette =