Cosa ci resta dei mondiali di calcio ?

Cosa ci lascia un mese di mondiale brasiliano ?
immagine4Oltre ad una serie di punti più o meno prevedibili come  ad esempio  :

–        una spesa per l’allestimento e la gestione certamente non recuperabile  ma soprattutto di poca utilità per la collettività , che invoglierà sempre meno nazioni a proporsi per le future edizioni;

–        un tipo di gioco ed una tecnica  oramai livellata tra tutti i continenti ( troppe partite sono finite ai tempi supplementari o ai rigori ) ;

–        una nuova figuraccia di tutto il gruppo italiano ( giocatori, allenatore, dirigenti );

la vera novità del mondiale di calcio 2014 è venuta dal metro con cui da domani saranno  valutate le prestazioni e le sconfitte su tutti i campi da calcio ( dalla scuola calcio per bambini  alle partite degli over 50 ) in tutte le parti del mondo.

immagine 1Altro che sensori di linea o spray che fissa la distanza della barriera dalla palla ! Il campionato del mondo in  Brasile  sarà ricordato soprattutto per il 7-1 inflitto dalla Germania proprio ai padroni di casa del Brasile. Nazione ospitante che può dirsi senza mezzi termini l’ambasciatrice del gioco del calcio del mondo, rappresentando ovunque la vera passione per questo sport , praticato con un spirito diverso che altrove,  con ritmo, gioia e spensieratezza, lontano dai tatticismi sfrenati.

Senza dubbio questo colpo, prima o poi  sarà assorbito , ma da ora le sconfitte, dopo il 7-1 di Germania – Brasile non avranno più il solito peso e la stessa misura.

immagine2Se prima con un 4-0 potevi giustificare  che “ la squadra non era in  giornata”, con il 5-0  che “ la squadra ha subito una involuzione preoccupante”, con il 6-0  la campanella di allarme era suonata e potevi soltanto sperate che “ con modifiche sostanziali nella mentalità e negli elementi del gruppo si potrà  sperare di risollevare le sorti della squadra” , da domani, anche nei casi di pesanti sconfitte,  si potrà  guardare al futuro  con ottimismo, visto che le misure sono ormai cambiate e   sarà  sempre pronta  la giustificazione: “ oggi in effetti non  ci è andata bene ma anche il Brasile ai mondiali non è stato da meno “.

Pubblicato in Sport e tempo libero e con Tag , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 + diciannove =