Dal 2,4% al 2,04%: per il popolo di pecoroni

Nel nostro precedente articolo “l’unica cosa certa è l’incertezza”, avevamo già espresso il nostro pensiero, che poi era più che altro la realtà dei fatti.

La speranza è che da una fase di incertezza su tutto, visto che anche per le poche leggi approvate mancano i decreti attuativi, non si arrivi al così detto “casino totale”, è l’ultima a morire.

Non so se il popolo se ne sta accorgendo, ma l’ignoranza culturale e politica in giro sembra più profonda di quanto si possa immaginare.

 E questo non lo dico io che mi ritengo un cittadino normale, ma me lo hanno fatto capire chiaramente i nostri politici.

Mai come in questi mesi la massima che recita “In politica, per esser presi sul serio, non bisogna necessariamente fare sul serio” sembra molto adatta.

Ciò che mi ha fatto inviperire, per usare un termine non volgare, è stata una strategia di azione, un numerino, che ai più ha significato poco o niente, ma a me ha fatto davvero incazzare, per usare il termine adeguato. Ci considerano davvero, perché forse lo siamo, un popolo di pecoroni.

Sentirsi dire che le nuove proposte consegnate a Bruxelles per favorire l’accordo con l’UE e scongiurare possibili azioni sanzionatorie, si basano sull’intenzione dell’Italia di far scendere il rapporto deficit/pil, previsto dalla legge di Bilancio dal 2,4 per cento al 2,04, mi ha fatto subito “drizzare le antenne”.

Ma guarda caso, dal 2,4%, numero inossidabile, non trattabile, per il bene del popolo, siamo arrivati alla proposta del nostro Governo del 2,04 %. Percentuale molto simile, sembra uguale al precedente numero, se non ci poniamo la giusta attenzione. Non vorrei che volessero farci intendere di non aver ceduto e di aver mantenuto tutto quello che avevo stabilito.

Fermiamoci qua: l’aver propagandato la scelta di quel 2,04% mi sa ampiamente di presa per i fondelli per tutti.

Pubblicato in Politica - Scuola - Società e con Tag , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

tre × 3 =