“Colonizzare” Marte, “acchiappare” asteroidi

Diciamo le cose come sono, terra terra, senza troppi rigiri di parole. Gli abitanti del pianeta Terra vogliono andare a “colonizzare” il pianeta Marte. Ma non solo. Vogliano anche “acchiappare” gli asteroidi che gravitano nello spazio,  sia per evitare  che ci cadano sulla testa, ma soprattutto per ricavare da essi importanti materie prime che da noi stanno scarseggiando oppure hanno un costo di estrazione troppo elevato. C’è da sapere che un piccolo asteroide può contenere tonnellate di metalli, silicati e altre materie prime molto preziose . Tanti e tanti soldi sotto forma di platino, ferro, nickel, silicio, carbonio, cobalto e acqua.

Sapete, queste idee non sono poi così lontane. Ai progetti sia le agenzie spaziali delle varie nazioni, che facoltosi privati,  stanno già lavorando da tempo e si potrebbe passare dai discorsi ai fatti rapidamente, entro una decina di anni.

Chi arriverà prima,  il pubblico , il privato oppure tutti e due assieme con una comunione di intenti? Per ora sono state aperte le selezioni per chi è disponibile ad andare a vivere su Marte e pochi avrebbero scommesso in così tanto interesse, visto che le adesioni sono moltissime.

Semmai il problema per chi decide di stabilirsi su Marte , è rappresentato dal tempo dei viaggi per raggiungere il pianeta e per tornare ogni tanto a far visita ai parenti sulla Terra.  I principali studi e progetti ruotano attorno ai propulsori e  alla velocità di crociera. Con le informazioni di oggi si stima che un viaggio possa durate almeno 7-8  mesi, ma lo sforzo e gli investimenti sono dirette a veder ridurre tale periodo fino a 2-3 mesi.

 

Intanto accontentiamoci di una bella poesia.

Venere — Espero — se abitassimo
Su quell’astro splendente o su Marte
Vedremmo il globo su cui gemiamo
Come la più bella di tutte le stelle della sera.

Potremmo immaginare guerre e carneficine,
Astuzie e pazzie, passioni e rancori,
Il fragore di Londra, il delirio di Parigi,
Dentro quel celestiale punto di luce?

Non dovremmo, guardando in cielo
Un astro così bello e argenteo
Sospirare, congiungere le mani e mormorare:
“Volesse Iddio che fossimo lassù”?

                        Alfred, Lord Tennyson

Alfred Tennyson, primo Barone Tennyson (Somersby6 agosto 1809 – Haslemere6 ottobre 1892), fu un poeta inglesepoeta laureato  del Regno Unito, nonché uno dei più famosi poeti inglesi.

Pubblicato in Notizie e con Tag , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

diciannove + 9 =