Certe semplici risposte a problemi complessi rimandano a Cetto …

Nel nuovo film di Albanese, in uscita questi giorni, che conclude la trilogia di Cetto La Qualunque, c’è un passaggio in cui lo stesso Cetto fa il discorso alla Nazione proponendosi come nuovo Re: … La democrazia ha deluso e dire che ne abbiamo provate tante, destra, sinistra, di sopra, di sotto, di fianco, ammucchiamenti con forze politiche contrapposte, ingruppamenti con movimenti liberisti, euroscettici e vegetariani, no tax, no global… non ha mai funzionato…

Comicità estrema con tante verità di fondo.

Ripercorrendo in due parole la storia della Repubblica, possiamo pensare che, dopo i padri costituenti dotati di grande preparazione culturale e di tanto senso civico, è stata la volta dei politici dediti al partito e all’associazionismo, i quali sapevano fare talmente bene i politici che alla fine ci hanno preso pure la mano, ampliando anche a pratiche illegali le loro funzioni.

Con la fine della prima Repubblica è stata la volta dei personaggi dell’imprenditoria e della finanza, sui quali, le aspettative di rinnovamento erano molte, andate poi completamente deluse.

A seguire è arrivato il tempo della nuova politica, dei giovani, dei nuovi, con i movimenti di protesta lontani dal palazzo e con i rottamatori. Anch’essi hanno scontentato un po’ tutti ed hanno concluso ben poco.

Oggi è il tempo dei personaggi poco colti, lontani dalle regole della politica, che appaiono e fanno ragionamenti come il popolo richiede (si tarano sulla stessa lunghezza d’onda). Soprattutto personaggi che danno risposte semplici e sbrigative a problemi complessi. E quei pochi che alzano la mano e chiedono spiegazioni o hanno dei dubbi su tali prese di posizione, vengono zittiti perché fatti passare come gli sfigati di turno.

Attenzione, perché non esistono soluzioni semplici a problemi complessi!

Prendiamo per esempio in caso dell’Ilva di Taranto, della spazzatura di Roma o delle tante altre città del Sud Italia, della burocrazia che impantana tutto in Italia, dei tanti immigrati abbandonati da anni nelle nostre città senza una sistemazione che sia produttiva sia per loro che per noi, delle marcate disuguaglianze tra regione e regione ecc. ecc.

Dubitate di chi dà risposte semplici a problemi complessi, dubitate.

 

Pubblicato in Cultura - Media, Notizie, Politica - Scuola - Società e con Tag , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 × quattro =