Al fresco di Candalla: una sorta di ritorno al passato

Troppo caldo per affrontare una giornata di mare, a luglio, nel caos domenicale della Versilia, dove l’acqua non invoglia neppure a tuffarsi e dove tutto è pressoché uguale, anno dopo anno.

Ed allora mi sono ricordato di un collega, viareggino, che mi aveva parlato di…Candalla.

L’ho cercata su internet e poi ci sono andato, da solo, visto che nessuno ha inteso seguirmi. Poco sopra Camaiore, prendendo la via per Vado – Casali, ad un certo punto c’è un grande indicazione “Candalla”, difficile da non vedere.

Si cerca in qualche modo di parcheggiare l’auto (i posti sono pochi in giro), poi ci si avvia a piedi lungo la strada. Quando si arriva al primo mulino, c’è un ponticello, la prima cascata e alcune vasche dove la gente si tuffa in acqua. Acqua bellissima, ma molto fredda.

Un tempo, nel 1800, attorno al fiume che scendeva a valle si erano formati mulini, frantoi, un polverificio (oggi tutti dei ruderi), che usavano la forza dell’acqua per fare lavorazioni.  

Con l’abbandono della zona e delle attività artigianali, Candalla, è rimasta quasi da sola, visitata nel tempo da pochi intimi che ne conoscevano o ne avevano scoperto i tesori. Fino al momento in cui il passaparola, i social ed i blog, non l’hanno resa “famosa”.

Famosa perché Candalla è un piccolo patrimonio naturale dove tutti possono rifugiarsi e isolarsi dai problemi di tutti i giorni, sia in estate che nelle altre stagioni.

Come dicevano è aperta ed adatta a tutti, a quanti possono fare solo pochi passi, a chi vuol star seduto e mangiare all’aperto, a chi desidera immergersi nell’acqua, a chi vuole risalire tutto il sentiero e visitare i tanti scorci di una natura ancora incontaminata.

Candalla  la magia del passato, che sempre più ai giorni d’oggi ritorna,  è però un luogo che non si può trovare se non lo si conosce. Come tutti i tesori.

Stefano Bortoli

Pubblicato in Cultura - Media, Mondo, Notizie e con Tag , , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

dieci − sette =