Valpolicella, cominciamo a conoscerla

La Valpolicella è una valle a pochi km da Verona e dal Lago di Garda. E’ famosa per i suoi vini, il migliore dei quali è l”Amarone”, un vino rosso di alta gradazione (16 gradi) ottenuto da uva lasciata ad appassire per alcuni mesi e poi lasciato ad invecchiare nelle botti per 4 o 5 anni e in bottiglia per uno. E’ molto buono ma anche molto costoso. 

Ci siamo stati a metà aprile di quest’anno. Abbiamo alloggiato in un b&b isolato in mezzo ai vigneti ma vicino ad un piccolo borgo, San Pietro in Cariano, centrale rispetto alla valle. La notte non sentivamo alcun rumore,  se non i cuculi che la mattina cantavano con il loro caratteristico verso. 

Le viti erano ancora spoglie,  ma in mezzo ai filari c’era pieno di fiori gialli che rendevano il paesaggio molto suggestivo.

Molto bello è uno dei rami alti della valle, dove abbiamo fatto una bella passeggiata, con un percorso circolare che parte da un piccolo paese, San Rocco,  e passa in mezzo alla campagna con case rurali e tanti tanti ciliegi. Purtroppo la fioritura quest’anno era un po’ in ritardo per cui non tutti gli alberi erano fioriti, altrimenti lo scenario,  già bello, sarebbe stato magnifico. I 10 km di cammino, non troppo faticosi, sono molto rilassanti e consentono di godere dello splendido panorama sulla valle sottostante. 

Ci sono molti altri percorsi che consentono di passeggiare per la valle, facili e adatti a tutti.

Da non perdere anche una visita guidata ad una villa con cantina con degustazione di vini  (noi abbiamo fatto quella alla Villa Mosconi-Bertani di Negrar) e la visita alle Pievi di San Floriano e San Giorgio.

Graziosi sono anche i paesi sul Lago di Garda (Bardolino, Garda e Lazise), con passeggiate, piste ciclabili e ristorantini lungolago; ma una cosa veramente eccezionale e poco conosciuta è il cimitero tedesco di Costermano, poco sopra Garda. È un luogo affascinante ma allo stesso tempo triste, perché su una collinetta isolata, sotto dei campi di erica, che in quel periodo era tutta fiorita, ci sono seppelliti 20.000 tedeschi morti durante la seconda guerra mondiale. 

Pubblicato in I viaggi di Giorgio e Betta. Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

20 − 15 =