Una battuta al giorno …

Quasi ovunque disorganizzazione e problemi di ogni genere. Sul lavoro, in famiglia, con i vicini, persino in strada.

“ … Oggi mi sono fatto un fegato così ! “ . A sera , con il rientro a casa, portiamo la pesantezza di una giornata, che quando va bene, come usa dire, è stata “vivacchiata”, tra un problema e l’altro.

Non ricordo,  negli ultimi anni,   di aver vissuto personalmente o di aver sentito dire con soddisfazione  “ … ho trovato tutto organizzato alla perfezione …”.

immagine3Ed allora cosa ci resta,  in Italia,  di un quotidianità piena di problemi ? Almeno i versi, le battute, le esclamazioni fantasiose e divertenti, che ci fanno dimenticare per un attimo le amarezza della giornata.

Non è che ti tirino su il morale, ma almeno  gli intercalari coloriti della nostra terra, delle nostre regioni,  ci danno quel sollievo che ci permettono di fare una risata,  che come dice il proverbio .”… una risata al giorno leva il medico di torno …”.

E vero, noi siamo i maestri;  l’Italia, nessuno può negarlo,  ha il primato delle battute, soprattutto quelle mirate, che intelligentemente arrivano proprio là, al nodo del contendere. Simpatia, umorismo, genuinità, tutte doti che in qualche modo riescono a far da contrappeso alla situazione buia dei nostri giorni.  E chi non ricorda con piacere le celebri battute di Alberto Sordi in romanesco,  che poi sono entrate nel lessico comune, che  hanno accompagnato i vizi e le virtù dell’italiano medio.

Non sanno cosa si perdono coloro che sono tutti di un “pezzo”, che si atteggiano ed hanno “… la puzza sotto  il naso…”, o che detestano o rimangono indifferente ad un poco di sano umorismo delle nostre terre, che rimangono impassibili o quanto meno abbozzano solo un  lieve sorrisetto, nei casi più estremi, perché  non è il caso di scomporsi, per non confondersi con la massa .

Ed invece dopo tanta tensione  anche  “sbarocciare” ( trascendere, eccedere ) un poco   fa bene, ti dà quel qualcosa in più che ti aiuta a ripartire.

Pubblicato in Cultura - Media. Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

19 + venti =