Un conto è fare politica, un conto è governare

La politica è un’arte. E siccome non tutti possono essere portati per l’arte della politica, per chi non possiede le competenze minime per rappresentare tale arte, sarebbe meglio che non vi si avvicinasse neppure, o fosse gentilmente allontanato, nel caso non riuscisse a comprenderlo da solo.

L’onestà e la competenza dovrebbero essere caratteristiche “chiave” del bagaglio di ogni persona che voglia entrare ad esercitare l’arte della politica; ma da sole non possono comunque bastare.

L’onesta è il primo requisito per la professione politica e la competenza ne è sicuramente una sua fondamentale peculiarità. E già ci fossero questi due elementi saremmo un passo avanti. L’onestà cresce nell’anima, cresce per educazione in famiglia. La competenza cresce con il bagaglio professionale, un tempo supportata da una lunga gavetta politica che preparava l’individuo nel saper fare politica.Ma attenzione, per completare l’opera, perché l’arte della politica abbia compimento, è necessario che l’onestà e la competenza si traducano dalla teoria alla pratica, trasformando in azioni di governo le proprie idee politiche.

Già dimenticavo un elemento molto importante nell’arte della politica: le idee. I partiti dovrebbero nutrirsi di idee, il tessuto sociale reclama idee per rinvigorirsi e tornare in salute. Ma la fase più delicata e più dura è sempre stata quella di riuscire a governare.

Alloggiata l’onestà e la competenza, al buon politico si richiede di trasformare in azioni feconde le proprie idee politiche.

Troppe volte ci sono governativi che hanno idee ma alla fine non riescono o non possono metterle in pratica, come pure ce ne sono altri molto competenti ma con una assenza di idee politiche in favore della collettività. Infatti chi si vanta di essere competente e di avere diritto a ricoprire cariche pubbliche, spesso nasconde un’assenza imbarazzante di idee.

Così ricordiamoci bene, quando ascoltiamo il teatrino della politica che, la stessa, dovrebbe essere insieme scienza ed arte di governare, cioè teoria ma anche e soprattutto pratica.

Pubblicato in Politica - Scuola - Società. Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

cinque × due =