Taser o spray al peperoncino ?

Mentre nelle Stati Uniti continua l’escalation della giustizia -fai da te -,  con l’uso delle armi, da noi in tema di prevenzione della sicurezza ci sono alcune novità.

Quando ho sentito la notizia, mi è tornata subito alla mente la frase di un amico carabiniere, del pronto intervento del 113, che un giorno si era confidato,  dicendomi: …Sai, quando sono di pattuglia è sempre più facile imbattersi in gente senza scrupoli, energumeni che hanno poco da perdere, difficilmente controllabili, spesso in preda ai fumi dell’alcol o della droga. Per difendermi io metto in tasca anche lo spray al peperoncino, non si sa mai… (lo spray al peperoncino alla fine è un prodotto che permette di difenderti dalle aggressioni senza arrecare alcun danno irreversibile).

La notizia a cui facevo cenno all’inizio è quella che in Italia è partita in questo periodo la sperimentazione di una nuova pistola che spara scariche elettriche. E’ stata consegnata in dotazione, per essere testata, alla Polizia ed ai Carabinieri di 6 province italiane (Milano, Brindisi, Caserta, Catania, Padova e Reggio Emilia) per un periodo di circa 3 mesi.

Il nome di battesimo è molto lungo, precisamente Thomas A. Swift’s Electronic Rifle, convenzionalmente abbreviato nella sigla Taser.

Spara fino a 7 metri di distanza, potrebbe essere un’arma non letale soprattutto da difesa, perché dovrebbe paralizzare soltanto i movimenti del soggetto colpito, facendone contrarre i muscoli.

Usiamo il condizionale anche perché i sui effetti, sul soggetto colpito, non sono sempre i medesimi.

Negli Stati Uniti la Polizia la detiene da tempo, ma secondo Amnesty International proprio nella nazione americana il Taser avrebbe causato centinaia di morti. Anche l’Onu la classifica nella lista degli strumenti di tortura, e quindi qualche dubbio sulla sua non pericolosità, sussiste.

6 province, 3 mesi, 7 metri: i numeri iniziali del Taser sono questi; vediamo se da noi sarà una soluzione o un nuovo problema.

Attendiamo gli eventi, nel frattempo sarà meglio continuare a … mettere in tasca anche lo spray al peperoncino, non si sa mai…

Pubblicato in Notizie e con Tag , , , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

tre × quattro =