Riprogettare il mondo di domani attraverso il business sociale

“Un mondo a tre zeri”  è un libro pubblicato recentemente,  scritto da Muhammad Yunus, premio Nobel per la pace nel 2006 ed ideatore del microcredito. Sensibile ai bisogni degli ultimi, Yunes in questo libro illustra la sua idea per migliorare il mondo, per renderlo più vivibile ed equo, facendo tanti esempi e proposte realizzabili (che in alcune zone si stanno cominciando a mettere in pratica).

Senza scendere nei particolari delle sue proposte e dei suoi interventi già in atto in tanti paesi del mondo, che sarebbe troppo lungo ed impegnativo raccontare, mi piace però citare alcune sue espressioni presenti nel capitolo di chiusura del libro, che rispecchiano fedelmente la situazione dei nostri giorni : 

Nel’ultimo decennio, abbiamo visto il nostro mondo barcollare da una crisi all’altra: disastri finanziari, carestie, carenza di energia, catastrofi ambientali, conflitti militari, ondate di rifugiati, instabilità politica crescente. Leader populisti chiedono la costruzione di muri fra un paese e l’altro, chiedono che le nazioni abbandonino di colpo le unioni internazionali costruite in decenni di diplomazia e di grandi speranze di pace e prosperità condivise. E’ tempo di riunire il mondo per affrontare insieme questa serie di crisi in modo ben pianificato e ben orchestrato – di cogliere questo momento come la nostra migliore occasione per progettare e realizzare una nuova architettura economica e e finanziaria, perché questi tipi di crisi non si ripresentino più, perché annosi problemi globali vengano affrontati in modo decisivo, e le incoerenze e le mancanze dell’attuale ordine economico e sociale vengano finalmente riparate.L’aspetto più importante di questa nuova architettura economicamente globale sarà la possibilità di portare a completamento il quadro teorico del capitalismo, edificato solo a metà, incorporando il secondo tipo di attività, il business sociale, e rielaborando la teoria sulla scorta del riconoscimento che tutti gli esseri umani sono imprenditori e non semplici fornitori di forza lavoro…

…Abbiamo avuto la fortuna di nascere in un’epoca di grandi possibilità, un’epoca di tecnologie stupefacenti, di grande ricchezza e di potenzialità umane illimitate. Le soluzioni a molti dei problemi più urgenti del nostro mondo, come la fame, la povertà e le malattie, che hanno afflitto l’umanità sin dagli albori della storia, ora sono alla nostra portata. La maggior parte di queste soluzioni può essere accelerata con la creazione di un nuovo nuovo ordine economico che comprenda quello strumento potente che è il business sociale

 …Un giorno sono convinto che ci saranno banche di business sociale, società di intermediazione di business sociale e fondi di capitale di rischio di business sociale, che forniranno di routine, i capitali per questo settore…

E per Yunus il business sociale, non è altro che …un’azienda che non distribuisce dividenti, ma è dedita alla risoluzione dei problemi umani

 

 

 

Pubblicato in Notizie e con Tag , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sei + cinque =