Per il 2020 ci vuole coraggio, ma basta ipocrisia!

Basta l’ipocrisia benpensante. Ci vuole coraggio.

La stragrande maggioranza dei nostri politici ormai si rivolge ad un popolo quasi assuefatto a concetti “concreto e subito”, quando invece, soprattutto nelle periferie, i guai sono davvero tanti e di difficile soluzione.

Tutti i colori dei Governi hanno portato soprattutto insuccessi; solo qua e là si è visto qualche piccolo beneficio, ma attribuito solo in dosi minime.

La sinistra democratica italiana non è riuscita ad elaborare proposte coerenti con la propria storia. E’ nelle periferie che la politica di sinistra ha fallito, ed è nelle stesse periferie che oggi la protesta sta monopolizzando il voto, soprattutto con i partiti di destra.

Gli ideali della politica di sinistra sono in fondo alla via, o meglio la rappresentanza politica della sinistra è quasi sparita, anche se nella vita politica la sinistra esiste ancora.

E la destra invece, che sta per sfondare, manda avanti tanti slogan (modifica dei trattati europei, pugno duro contro gli irregolari, abbassamento delle tasse ecc.) che sembrano non essere supportati da studi di fattibilità realizzabili.

Quello che è vero è che la nuova povertà, povertà urbana, nel silenzio si è fatta avanti, perché in Italia si è vissuto sempre con manovrine e governicchi. Sempre.

Bisogna ripartire da zero, con un gruppo di persone, una classe dirigente non solo nuova ma soprattutto preparata e non ipocrita, con profonde basi di democrazia e di diritti civili, che si interroghi sul destino dell’Italia e dell’Europa e che progetti interventi strutturali a medio raggio.

Dando l’esempio, operando con correttezza e giustizia, con provvedimenti intelligenti a lungo respiro, così che anche il popolo, lentamente, nel tempo, modificherà il proprio carattere, che non appare certo dei migliori.

Si utilizzi finalmente la bussola e venga consegnata a persone che non usano maschere diverse a seconda delle situazioni, ma soprattutto che siano coraggiose, per districarsi in questo mondo di ipocrisia.

Questo è il nostro augurio per l’anno che verrà.

La Redazione di Fuga dal Benessere

Pubblicato in Cultura - Media, Politica - Scuola - Società e con Tag , , , , , , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

9 − 2 =