Pane, burro e marmellata

Diamo a Cesare quello che è di Cesare ed al burro quello che è del burro. Ed allora ridiamo il giusto valore al burro, sopratuimmagine1tto quello consumato crudo, nella giusta quantità .

Di fatto da più parti c’è stata una rivisitazione di questo famoso ingrediente.
Se prima ( negli anni sessanta ) il burro aveva una posizione di privilegio nella nostra cucina, dai primi anni novanta c’è stato un brusco dietrofront, a causa dell’onda salutista che lo marchiava come elemento destabilizzante a cui girare alla larga perché aumentava il colesterolo ed i grassi nel sangue, danneggiava il fegato e faceva ingrassare. Sostituito da ingredienti vegetali,  come ad esempio olio di mais, olio di riso, olio di oliva, derivati della soia e yogurt,  da un po’ di tempo è stato riabilitato grazie ad importanti  studi,  anche universitari, effettuati da più  parti nel mondo.

E se vi dicessi che, in giusta dose,  fa bene anche agli infartuati, ci credereste? Ed inoltre è ricco di vitamine, A, D, K ed E , come pure sembra che produca effetti rasserenanti ed antistress per chi lo consuma.

Negli anni, soprattutto fuori dal nostro paese, il burro  ha perso mercato, mentre da noi il consumo ha tenuto perché il nostro è un prodotto  buono ed il suo contributo alla preparazione di taluni cibi e ricette a volte è straordinario.

Indispensabile da sempre nella ricca cucina francese, negli Stati Uniti ed in Gran Bretagna la moda ha recentemente prodotto, pensate un po’, anche il caffè al burro, come elemento per un nuova dieta che non fa ingrassare, ma anzi, dimagrire.

imagesCopertine di riviste settimanali conosciute in tutto il mondo, chef stellati, nutrizionisti, studiosi di cucina, esperti: tutti assieme si sono trovati d’accordo nel dire che alla fine il burro è un elemento naturale sano e digeribile.

Ed allora ripenso a quanti mi consigliavano di evitare il burro nell’antica ma sempre importante ricetta… pane, burro e marmellata… non facendomi gustare appieno un classico della colazione o della merenda.

E poi …il velo di burro rende davvero  più golosa questa merenda…

Pubblicato in Notizie e con Tag , , , , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *