Outlet Italia

Extracomunitari si, extracomunitari no, migranti si, migranti no, cittadinanza si, cittadinanza no.

Si sta tanto a discutere in Italia sull’opportunità di far entrare o bloccare l’accesso di stranieri, quando ogni giorno intorno a noi l’economia si muove grazie soprattutto ai denari di persone di altri paesi. Ce ne siamo accorti oppure no?

Quotidianamente leggo ed ho testimonianze dirette di affari conclusi con extracomunitari. Su 10 notizie di affitto, subentro, acquisto, concluse nel nostro paese, mediamente 7 hanno come affittuario, subentrante o acquirente un soggetto extracomunitario, mentre 3 un italiano.

Si parte dalle aziende, si va alle società sportive, si scende alle dimore, alle ville, ai palazzi d’epoca, ai centri commerciali, per arrivare poi agli appartamenti, ai fondi di negozi, a piccole attività commerciali, agli ambulanti.

Gli stranieri in Italia sono sempre più imprenditori e tra i pochi veri pagatori rimasti in circolazione. E da dove poi provengano questi soldi nessuno ha da saperlo.

Gli investimenti stranieri in un mercato, il nostro, parecchio in difficoltà, che ha visto scendere le quotazioni di molti punti percentuali, stanno, alla fine, dando una vera e propria boccata d’ossigeno a tanti imprenditori e privati cittadini. Quante volte abbiamo sentito dire… non riesco ad affittare! non riesco a vendere! … e quando poi capita l’occasione dello straniero, la prendiamo al volo!

Possiamo poi discutere sul fatto che sia giusto o meno che i nostri quartieri siano controllati commercialmente dagli stranieri, con un massiccio insediamento, che il commercio ambulante passi sempre più in mano ad extracomunitari, ma la realtà nuda e cruda è questa.

I cittadini italiani devono rifiatare, le banche stanno annaspando, l’economia non tira e lo Stato, in difficoltà, ha sempre più bisogno di entrate.

Ed allora non ci resta che chiamarla “Outlet Italia”.

Pubblicato in Economia -Lavoro. Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

10 − 2 =