Nuova vita per le vecchie auto

Io ci ho fatto caso. In giro si vedono  sempre più vecchie auto , perfettamente funzionanti , utilizzate per andare a lavoro , per fare  la spesa, per  una girata fuori porta.

Infatti le statistiche parlano di un mercato delle auto d’epoca che cresce.  Le carrozzerie ed i rivenditori di pezzi di ricambio sono molto più impegnati negli interventi sulle vecchie auto che non per le nuove.

Anche se in Spagna, a Madrid c’è pure chi cerca tra gli autorottamatori , prima che i pezzi vadano in discarica,   i rottami delle vecchie auto per trasformarli in biciclette, alla fin fine la vecchia auto oggi è davvero rivalutata e  l’ auto d’epoca non è più quello sfizio che va pagato a caro prezzo,  ma può essere pure   “low-cost”. E chi ha detto che le auto d’epoca sono una passione costosa?

auto d'epoca

Infatti trovare vecchie auto rimesse a nuovo a meno di 5.000 euro non è affatto una impresa.  Fiati 17, Fiat 126, Fiat 500, Mini Minor, Fiat 850, BMW, tanto per citarne alcune, movimentano un mercato in piena evoluzione.

Un po’ perché è trendy, un po’ per necessità, vista la crisi dell’ultimo periodo,  oggi ritroviamo quelli che l’auto d’epoca la usano tutto l’anno.  Anche perché viviamo in un paese dal clima abbastanza gradevole, con giornate invernali sempre più miti.

Ed allora quali controindicazioni  per la ripresa del mercato delle vecchie auto ?

Oltre forse al maggior inquinamento , c’è chi sostiene ( la Dekra che è  l’organizzazione indipendente e internazionale che si occupa di controlli tecnici e dele certificazioni )  con forza che le auto vecchie sono troppo pericolose. In effetti le macchine senza Abs, airbag, senza scocca rinforzata o Esp come non possono essere più pericolose di una moderna autovettura ?

Pubblicato in Capsule del sapere e con Tag , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

11 + 17 =