Non ci sarà un posto dove nasconderci

Muhammad Yunus, già Premio Nobel per la pace nel 2006. giù inventore del microcredito, già fondatore della banca dei poveri, ha lanciato un nuovo appello, possiamo dire un manifesto, verso i potenti del mondo, verso chi ha potere di governare o organizzare istituzioni, città, aziende. E’ una riflessione ampia, particolareggiata, con importanti spunti per una nuova ripartenza post coronavirus. Andrebbe letta tutti per intero.

Noi vogliamo comunque sintetizzare alcune piccole parti del suo testo, per invogliare le persone a leggerlo con attenzione.

Malgrado i danni ingentissimi causati dalla pandemia, Yunus crede che il mondo intero sia di fronte ad una occasione senza precedenti. Non pensa che il problema sia di come far ripartire l’economia, perché per fortuna sappiamo già farlo, ma di come riuscire a non tornare al mondo di prima

Yunus immagina che le istituzioni tutte debbano incoraggiare i cittadini a farsi avanti, a dar prova dei loro talenti, nella risoluzione dei problemi creando tante piccole imprese sociali, in ogni campo, le quali tutte insieme vedranno poi moltiplicati gli sforzi che porteranno ad  un’azione nazionale significativa.

Perchè come ci dice Yunus … se mancheremo di impegnarsi in un programma di ripresa economica postcoronavirus trainato da una consapevolezza sociale ed ambientale, imboccheremo inevitabilmente una strada molto peggiore della catastrofe provocata dalla pandemia… ed ancora … se non riusciremo a dare risposte adeguate alle questioni globali in costante peggioramento, non avremo dove nasconderci da Madre Natura,arrabbiata con noi e dalle masse degli arrabbiati di tutto il pianeta

 

 

Pubblicato in Notizie e con Tag , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sette + 1 =