L’insicurezza? Non solo Trump, ma non ci resta altro che viverla come risorsa

Fino alla metà del secolo scorso la sicurezza nella vita quotidiana poggiava sulla rocciosa stabilità dei sistemi sociali, finanziari, politici.

immagine1Oggi nel mondo troviamo tanta insicurezza.

I soldi in banca ormai sono insicuri, non c’è più certezza nemmeno nel mantenimento del proprio capitale. Non parliamo poi della certezza sui tassi di interesse e sui singoli titoli.

La sicurezza nel lavoro da diversi anni si è andata a farsi benedire e se non c’è sicurezza sul lavoro non c’è sicurezza nella vita.

Furti, rapine, uccisioni per futili motivi, sbandati di periferia che controllano zone e territori non più sotto il controllo dello Stato; le poche risorse per la polizia e per gli uffici giudiziari allontanano la certezza della pena e rinforzano quella insicurezza comune e quel senso di mancanza di giustizia che non ci fa stare tranquilli.

immagine2L’insicurezza di un territorio debole che periodicamente purtroppo ripropone case sventrate, ponti crollati, strade franate.

L’allerta terrorismo, spesso solo assopita, che quando si sveglia non ci dà più sicurezza in nessuna parte del mondo.

L’insicurezza delle guerre che si associa agli incontenibili flussi migratori che rendono tutto più insicuro.

L’insicurezza negli spostamenti a causa delle buche nelle strade che rappresentano senz’altro un grave problema per la sicurezza di tutti, dai pedoni agli automobilisti, ma in particolare per ciclisti e motociclisti.

La ricerca di una sempre maggiore sicurezza informatica; più che un costo un investimento, anche perché l’insicurezza informatica è sempre in aumento.

La politica interna e mondiale odierna causa sempre maggiore insicurezza generale; finti leader, ricerca del consenso immediato, difficoltà nel mediare i conflitti sociali; tutto ciò conferma la crisi di una politica alla ricerca di se stessa.

L’inaffidabilità più completa di sondaggi e delle opinioni più inattaccabili per ogni tipo di elezione nei paesi democratici.

immagine3Queste sono solo alcuni degli esempi dell’insicurezza generale di oggi,  a cui si deve aggiungere dal 9 novembre 2016 anche quella del Presidente degli Stati Uniti. Trump, incognita che genera insicurezza un po’ ovunque, nonostante si fosse presentato come il candidato della legge e dell’ordine contro tutte le insicurezze.

Vorremmo forse scacciare l’insicurezza dalla nostra vita, ma ciò non è più possibile. Allora quali strategie per comprarsi briciole di temporanea sicurezza? Anche avendo i soldi ciò è possibile?

E’ bene solo ricordare che una stabilità costante non è una condizione naturale di vita. Così accogliere l’insicurezza col giusto valore, quando si presenta, è fondamentale per star bene, per poter migliorare  e per arrivare a risolvere gli eventuali inconvenienti che essa può portare.

Sarà quindi il caso di  assegnare all’ insicurezza quel valore di risorsa, per poterla vivere al meglio.

 

 

 

Pubblicato in Politica - Scuola - Società e con Tag , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sei + dieci =