La Valle più a nord d’Italia

Arrivati a Brunico, andando verso nord, si trova il paese di Campo Tures, con il suo bel castello visitabile, porta di accesso alla soprastante Valle Aurina.

Ci siamo stati con I nostri figli nell’agosto del 2009 e del 2010. È una bella valle, abbastanza lunga, che risale dal paese di Rio Bianco, a circa 1.300 m.s.l.m., a quello di Casere (dove c’è una bella chiesina isolata in mezzo a prati ed abeti), a circa 1.600, passando da altri piccoli borghi tipici dell’Alto Adige. 

Abbiamo dormito in un agriturismo di Rio Bianco con stube, pareti di legno e arredamento tipico, con vista panoramica sulle montagne e su un allevamento di animali. 

Le possibilità di passeggiate sono molte, quelle più belle sono però in cima alla valle. La migliore in assoluto sale dal paese di Predoi alla Rottal (Valle Rossa). Ci vogliono poco più di due ore di salita ripida e faticosa, ma all’arrivo troverete una valle incantata, con pascoli verdi, un torrente che l’attraversa, un ghiacciaio a chiuderla e una malga dove potrete mangiare del formaggio o un omelette. All’epoca era gestito da una coppia di anziani signori e c’erano anche due bambini, maschio e femmina, loro nipoti, che passavano lì l’estate.  Sembrava di essere dentro il cartone animato di Heidi.

Interessante è la miniera di rame dismessa di Predoi, visitabile con un trenino di vagoncini che entrano per circa 1 km dentro la montagna.

L’anno successivo abbiamo vissuto anche l’esperienza di un percorso guidato di rafting, facile ma molto divertente, nel torrente che attraversa la valle. Vestiti di tutto punto con materiale tecnico (tuta e scarpe di gomma), abbiamo provato l’ebbrezza di fare i tuffi nel torrente ed un passaggio sotto una cascata.

Per l’aspetto mangereccio, c’è da assaggiare, in uno dei ristoranti della zona, la padellata di gnocchi di pane immersi nel formaggio “grigio” fuso, tipico della valle, da mangiare tutti insieme con il cucchiaio: una vera prelibatezza.

Pubblicato in I viaggi di Giorgio e Betta e con Tag , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quattro × cinque =