La retta via per arrivare ad … una migliore qualità della vita …

Tante le classifiche su dove si vive meglio nel mondo, ogni anno. Nazioni, regioni, città, paesi, a cui applicare l'”Indice di Qualità della Vita”, attraverso una formula empirica che coinvolge diverse variabili.

Ma noi ci vogliamo soffermare solo su due concetti espressi da due tra le tante persone che nel mondo d’oggi, nel loro piccolo hanno costruito qualcosa, pur partendo da continenti diversi, da abitudini diverse, da un bagaglio professionale e culturale diverso. Ed alla fine si ricongiungono, con le loro idee, sulla stessa via, con il fine di ricercare una migliore qualità della vita.

Una persona è Jeffrey Sachs, economista americano, che oltre ad abbattere l’etica dell’odio, di questi tempi parecchio inflazionata, intravede la retta via con questa altrettanto semplice formula matematica, che non ha bisogno di alcuna spiegazione: migliore qualità della vita: – social – consumismo + più ambiente + salute + uguaglianza.

L’altra persona Nerio Alessandri, ideatore del marchio e del business di Technogym, azienda produttrice di attrezzi per lo sport e il tempo libero con sede a Cesena. Fondata dallo stesso nel 1983, un inizio nel garage di casa, fino alla quotazione alla Borsa di Milano nel 2016, Alessandri in una recente intervista, ha espresso il pensiero che il vero petrolio dell’Italia potrebbe essere la qualità della vita, anche perché la morfologia del paese e l’arte culinaria fanno da importante cornice. Lui chiaramente punta soprattutto sul wellness, di cui con la sua azienda ne è leader, convinto che l’Italia possa arrivare ad essere il più grande produttore di benessere al mondo… nessuno potrà copiarci, nemmeno i cinesi… aggiunge.

Che dire.

Tanti sono i consigli che in giro si leggono o si ascoltano per essere felici, per cambiar vita e vivere meglio. Tante sono le rette vie proposte.

Noi via abbiamo sintetizzato due idee diverse tra loro, ma che si collegano e fanno riflettere sull’’ampio concetto di una migliore qualità di vita.

Sta poi a noi ed a chi ci governa stabilire le priorità.

Pubblicato in Ambiente, Cultura - Media e con Tag , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 × due =