La cultura ciclistica si allarga anche ai cycling cafè.

Ne stanno nascendo molti in Europa. Li proponiamo con il termine inglese cycling cafè , visto che a Londra stanno facendo tendenza, anche se non sappiamo  dove siano veramente nati. Ed allora cycling cafè o caffè in bicicletta è una delle ultime frontiere della cultura ciclistica.

Cultura che fortunatamente sta rinascendo, sia in Europa che in Italia. Finalmente stavolta nel  nostro  paese  le classifiche sulla cultura, su l’utilizzo e sulle infrastrutture  della bici non ci vedono agli ultimi posti, come spesso capita ! Buona parte della popolazione si sposta a pedali, generando  un movimento economico ed  un mercato  di tutto rispetto, oltretutto  nel  “rispetto” dell’ambiente e del benessere psico-fisico dell’individuo.

images

Così con il cycling cafè si entra in un luogo  dove l’avventore non ha soltanto l’ opportunità di ristorarsi,  ma ha pure la possibilità di  avvalersi di una serie di servizi riservati alla bicicletta. Riparare la propria bicicletta, gonfiare le ruote, parcheggiare in maniera adeguata, intrattenersi con riviste del settore e perché no guardare ad uno schermo tv le gare di ciclismo più entusiasmanti. Oltre alla possibilità, in certi casi,  di acquistare pure indumenti appositamente creati per il ciclismo, non solo per la corsa, ma anche da passeggio.

Così i caffè in bicicletta sono luoghi nati per ampliare l’offerta di servizi per l’utente, fino a poco tempo fa  relegata nei soli negozi specializzati, dove spesso l’atmosfera è un po’ burbera. Ed allora la parola d’ordine oggi per i ciclisti è :  socializzare.

Punti di partenza, punti di arrivo, punti intermedi; viaggiando in bicicletta quotidianamente avere un punto di appoggio dove rilassarsi e trovare tutti i servizi per le due ruote può essere apprezzabile.

images (1)

All’inizio abbiamo nominato Londra, ma come detto non solo la metropoli inglese sta aprendo gli spazi a simili iniziative.

Nord Europa, Stati Uniti, Nuova Zelanda, i cycling cafè li ritroviamo un po’ ovunque. Anche in Italia stanno nascendo. Soprattutto al Sud, in particolar modo in Puglia, sono sorti i  caffè in bicicletta. Ma non solo.  I progetti prevedono anche punti di assistenza e di informazione per ciclisti, da associare ad altri servizi non legati alla bicicletta ( esempio trekking, barca a vela, kayak,  passeggiate a cavallo) . Così mobilità sostenibile e turismo sostenibile sono un bel connubio, sempre rivolto ad uno stile di vita più semplice e consapevole, nel rispetto dell’ambiente e del proprio benessere.

Come si è già detto a più riprese, la bici può essere davvero un elemento di svolta per il nostro paese. Anche i cycling cafè possono fornire il loro mattone alla costruzione di un grande e fiorente mercato.

Pubblicato in Sport e tempo libero e con Tag , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sette − cinque =