Investire o non investire nel mattone. Con Housers è per tutti.

A volte ci possiamo sentire grandi con pochi euro, anche con soli 50 euro.

Un tempo chi aveva soldi investiva nel mattone senza pensarci troppo. Poi la recessione e le tante tasse che lo Stato italiano ha imposto, non solo hanno stoppato la corsa ma in certi casi hanno creato proprio un’ansia da vendita, che ha fatto andar giù i prezzi, anche troppo gonfiati. Ora lentamente sta ricrescendo un certo interesse per merito del calo dei valori di mercato, soprattutto da parte di chi è alla ricerca della prima casa e di chi pensa di investire per poi affittare gli alloggi, ai tanti turistici che arrivano nel nostro paese.

Ma la maggior parte della gente non possiede i capitali per entrare in un settore riservato solo a pochi.

Invece con il crowdfunding, tradotto in finanziamento collettivo, dalla Spagna è sbarcata in Italia, da poco tempo, una piattaforma informatica, che dà una opportunità di risparmio e, perché no, una opportunità di investimento nel mattone. A tutti.

Si proprio a tutti, visto che si può investire anche la modica cifra di 50 euro.

Il suo nome è Housers e, dopo aver iniziato, come dicevamo,  in Spagna,  è entrato in Italia. Poi si dirigerà verso il Portogallo.

Housers investe negli immobili residenziali delle principali città europee del sud Europa, sceglie immobili che possiedono buone possibilità di crescita, può ristrutturarli, affittarli o può decidere di rivenderli.

Chi si unisce all’iniziativa versa una somma il cui limite minimo è 50 euro. Poi decide i tempi dell’investimento, che variano da oggetto ad oggetto. Oltre al capitale investito, riceverà gli interessi commisurati all’effettiva rendita dell’immobile e/o sulla plusvalenza generata dalla sua vendita.

Ma quel che conta è che l’investitore scegli l’immobile su cui investire i propri risparmi. Ed attraverso la piattaforma web si ha sempre il pieno controllo dell’investimento. L’investitore decide dove, quando e quanto investire e può vendere le sue quote in ogni momento.

Alla fine con poco si può diventa comproprietari di un appartamento nel centro di Milano, Valencia, Barcellona o Madrid, avendo per i propri risparmi anche un rendimento  medio  ad oggi stimato al 4%.

Così con Housers, il mattone è per tutti!

Pubblicato in Economia -Lavoro e con Tag , , , , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *