Il postino forse suonerà anche di sera: dipende da Amazon.

Dipende, da che dipende, da che punto guardi il mondo tutto dipende… il ritornello della canzone “Depende” (https://www.youtube.com/watch?v=2pNH_Wkr_QA)   scritta e cantata dagli Jarabedepalo, si addice bene alla nostra situazione.

Il punto di vista è quello dei portalettere, dipendenti delle Poste Italiane; il mondo è quello di Amazon, la più grossa azienda al mondo di commercio elettronico.

I portalettere delle poste italiane fino ad ora hanno lavorato sempre e solo al mattino, di solito fino alle 14, dal lunedì al sabato, guardando il mondo da un punto abbastanza favorevole. Poi il pomeriggio ogni postino era libero di organizzare le proprie faccende.

Amazon (colosso delle vendite a distanza) ha fatto cambiare punto di vista alle Poste Italiane (colosso dei servizi postali) e di conseguenza anche ai postini.

Nello scorso giugno i vertici delle società Poste Italiane ed Amazon si sono accordati ed hanno contrattualizzato un accordo pluriennale con l’impegno da parte di Poste Italiane di consegnare i pacchi venduti da Amazon anche nelle ore serali e soprattutto nel weekend.

Così su tutto il territorio nazionale agli oltre 30mila operatori portalettere viene chiesto di guardare il mondo da un punto diverso rispetto a prima. Di guardare il mondo lavorando anche con turni pomeridiani, fino alla sera (ore 20/21).

Insomma, se prima solo alcuni tipi di raccomandate e soprattutto le multe non potevano aspettare la consegna e venivano recapitate anche fuori dall’orario mattutino, per mezzo di pochi incaricati addetti a tale servizio, con l’accordo della scorsa estate anche le migliaia di oggetti venduti da Amazon sulle piattaforme on-line non devono più aspettare.

Per i postini questo significa dover riorganizzare anche la propria vita.…Dipende, da che dipende, da che punto guardi il mondo tutto dipende

Pubblicato in Notizie e con Tag , , , , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

nove − sei =