Il personaggio della settimana 47

Il personaggio della settimana, stavolta negativo, non è una persona fisica ma è il settore della Sanità in Calabria.

Nella Sanità calabrese manca tutto: medici, infermieri e operatori sanitari, ambulanze, consultori, studi medici e, manco a dirlo, posti letto e terapia intensiva (oggi estremamente necessari).

La Calabria purtroppo è la regione italiana col peggiore sistema sanitario nazionale. L’assessorato alla Salute regionale è commissariato da più di dieci anni ed ogni anno la Sanità ha una perdita regionale di circa 160 milioni. Oltre a ciò non dimentichiamo che la Regione subisce ripetute infiltrazioni dalla criminalità organizzata.

Per avere un’idea della situazione c’è da dire che dall’inizio della pandemia alla fine ottobre, in Calabria sono riusciti ad organizzare solo 6 nuovi posti letto in terapia intensiva.

Gli ultimi tre commissari alla Salute per un motivo o per un altro si sono dimessi. Tutti nell’arco di un paio di settimane. Colpevoli di piccole o grandi mancanze, a cui devono aggiungersi quelle di uno Stato Centrale che continua a nominare personaggi non adatti e soprattutto non controlla l’evoluzione della situazione commissariata. Come dice il detto: sbagliare è umano, ma perseverare è diabolico!

Non ci resta che sperare, come hanno detto e scritto in tanti, che con la pandemia tante cose non saranno più le stesse, cambieranno. E la Sanità calabrese speriamo sia una di queste!

Pubblicato in Notizie, Politica - Scuola - Società e con Tag , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

diciotto − tredici =