I 28 paeselli che compongono l’Unione Europea

Si discute tanto se l’Europa deve o meno restare unita.  Continuare con una comunità ed una comunione di intenti, oppure mandare tutto all’aria e prendere strade separate, con l’illusione che senza i paletti ed i vincoli imposti da una organizzazione comunitaria si possa fare decisamente meglio.

La questione è molto complicata e l’esperienza e la saggezza stavolta possono essere le principali fonti di ispirazioni.

A questo proposito mi piace esporre due brevi pensieri di Emma Bonino, personalità conosciuta a livello mondiale, con esperienza politica nazionale ed internazionale da vendere, più volte ministro, Commissario europeo, delegata all’Onu, promotrice della Corte Penale Internazionale. Una figura di spessore con una personalità tenace e combattiva, ma all’occorrenza anche portata alla mediazione.

Il primo pensiero non è suo ma di un suo collega (lei lo riferisce con piacere perché fa un po’ da cornice a quello che lei realmente pensa) : L’Europa è fatta di due tipi di Paesi: quelli piccoli, e quelli che ancora non si sono accorti di essere piccoli.

Il secondo pensiero invece è suo: ventotto paeselli (gli stati che compongono l’Unione Europea) sparsi in un mondo in cui ci sono giganti come la Cina, l’India, la Russia, gli Stati Uniti; dove vanno, cosa possono pensare di significare da soli?

Questi due brevi pensieri, all’apparenza semplici, ma molto profondi, credo che facciano riflettere più di ogni relazione o studio sulla materia.

E’ vero che molti dei 28 ( presto dovrebbero diventare 27) sono paesi con una storia importante, ma ciò ormai non può bastare, perché le superpotenze sono sempre più grandi e sempre più forti, da ogni punto di vista.

Così, se tutti insieme gli Stati riconoscessero di essere interdipendenti, rinunciando alla propria sovranità, l’Unione potrebbe essere davvero una forza, non solo per gli equilibri geografici mondiali, ma anche per i mercati.

Se invece nell’Unione Europea la coerenza interna è parziale, è volubile, ci ritroviamo alla storia di questi tempi.

Pubblicato in Mondo, Politica - Scuola - Società e con Tag , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

due − 1 =