Con il FAI è davvero arrivata la primavera!

Le giornate del FAI (Fondo Ambiente Italiano) si accolgono e ci accolgono sempre con piacere. Tanta gente impegnata, tanti luoghi riaperti. Unico neo, se vogliamo chiamarlo così, per il visitatore, è spesso l’eccessivo afflusso di gente nei posti indicati, segnale comunque importante di interesse e di partecipazione diretta.

Ed allora, avendo fatto tesoro delle esperienze passate (una volta non sono riuscito ad entrare nel luogo prescelto perché troppo affollato), domenica 26 marzo, mi sono alzato di buon mattino e sono partito con mia moglie per raggiungere la destinazione stabilita.

Il monastero francescano di Colleviti, sopra Pescia, in Provincia di Pistoia.

Il Convento di Colleviti fu eretto fra il 1494 ed il 1495 ed a più riprese fu rimaneggiato ed allargato. Nel corso dei 1800, almeno in due occasioni, i frati dovettero abbandonare la struttura perché confiscata, per poi definitivamente riprenderla nel 1870.

Oggi però, a causa dell’esiguo numero di frati francescani in Toscana, il Convento, dopo alcuni anni di chiusura totale, è utilizzato dall’Associazione Mondo X, comunità di recupero per persone che stanno attraversando un momento difficile nella vita.

Il complesso è di solito chiuso al pubblico e solo nell’occasione del FAI di primavera è stato riaperto.

Tornando alla visita, essendo rientrati nella primissima tornata della mattina (che già comprendeva circa 30 persone!), abbiamo visitato, assieme ad un volontario, esperto e disponibile cicerone ( stavolta non c’erano i ragazzi apprendisti ciceroni), architetto, impegnato nella conservazione dei beni di valenza storico/artistica della chiesa della provincia, i seguenti ambienti:  la chiesa, il chiostro, alcune stanze e celle, la biblioteca.

Una bella esperienza, in una mattinata di sole, con un bel panorama che si apre dall’ingresso del Convento (che resta un po’ rialzato rispetto alla zona circostante) e che spazia tra le province di Lucca, Pisa e Pistoia.

Con il FAI è davvero arrivata la primavera!

Pubblicato in Ambiente e con Tag , , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

cinque × uno =