Draghi deve scendere in campo solo per l’Italia, ufficialmente

Nel recente pezzo “Cercasi Draghi disperatamente“, avevamo esaltato le doti di Draghi alla guida della BCE,  doti riconosciute da tutti i leader del mondo,  ed avevamo quasi rievocato un suo ritorno al comando della stessa Banca Centrale Europea, visto che il suo successore, la francese Christine Lagard, pare incerta e tante volte non del tutto convinta di alcune scelte che, bene o male, è necessario attuare.

Poiché in questo periodo, eventi, a volte drammatici, sia sanitari che economico/sociali, molti dei quali parecchio rilevanti per il futuro dell’Europa e dei loro cittadini, si susseguono con una cadenza quasi giornalmente, è necessario avere governanti ben saldi al potere ma sopratutto preparati e decisi nell’attuare strategie ed interventi che, la situazione contingente non permette di sospendere o rimandare. Perché diversi paesi, tra cui l’Italia, non possono permetterselo, vista la gravità della situazione.

Ma poiché, come sembra evidente a tutti, la situazione nella Unione Europa è insostenibile, ribadita anche dal francese Delors, presidente della commissione Ue dal 1985 al 1995 che ha scritto su Twitter: «Il clima che sembra regnare tra i capi di stato e di governo è un pericolo mortale per l’Unione europea», non ci resta che cominciare a pensare come poter risolvere da soli, nel nostro paese, questa situazione davvero emergenziale.

In primis non consegnando i pochi pezzi pregiati che abbiamo, come Mario Draghi, alle Istituzioni comuni e poi assegnando loro incarichi di prestigio nel nostro attuale Governo.

Ed allora per Draghi non si chiede più che scenda in campo a garanzia di qualche Istituzione comune, ma si chiede esplicitamente che il Governo italiano lo nomini Ministro, anzi, meglio dire, Super Ministro per la Ricostruzione a causa, della Pandemia, con delega a trattare con le gli altri governanti europei, senza se e senza ma, in tempi rapidissimi, per una politica comune di interventi drastici.

Solo un personaggio del calibro di Mario Draghi potrebbe riuscire nell’intento, altrimenti sarà la fine dell’Unione Europea, oppure la disgregazione della stessa in più Unioni.

Mario Draghi deve scendere in campo ufficialmente, senza indugio, solo per l’Italia, perché,  mai come oggi, ogni giorno è prezioso. 

 

Pubblicato in Notizie e con Tag , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 × uno =