Da una matita può nascere un fiore

Bell’idea !  Tecnologia, fantasia, riciclo.  Da una normale matita, pensate un po’,  può nascere un fiore.

Alcuni studenti del MIT di Cambridge hanno ideato una matita ( lapis ) un po’ particolare. Infatti quando sta per finire, cioè è diventata corta, si può piantare nella terra , perché  nella sua “coda” sono inseriti dei semi pronti a mettere radici. Matite che possono essere scelte con una ampia varietà di semi come ad esempio il  basilico,  pomodori ciliegini,  prezzemolo, calendula, rosmarino, salvia, menta, melanzana, timo e tanti altri.

Matita normalissima fatta di legno di cedro, grafite ed argilla ma senza piombo a differenza di molte altre, ha come caratteristica che nel suo punto finale, al posto della gomma,  c’è una capsula che si scioglie gradualmente a contatto con l’acqua , lasciando i semi liberi di crescere.

Si può acquistare su Amazon, ogni pacco da 8 matite costa 19,95 dollari. Non è un prezzo conveniente, ma si risparmia poi su piante e  fiori. E poi, diciamolo, fa soddisfazione pensare che quella pianta che vedi in giardino o sul balcone, in precedenza ti ha seguito nello studio o sul lavoro per parecchio tempo, sotto forma di lapis . Semmai fate attenzione quando siete sovrappensiero a non mettere la matita in bocca, altrimenti il seme a contatto con la saliva, potrebbe crescervi in bocca!

Ah , dimenticavo ! Il suo nome è Sprout

Pubblicato in Capsule del sapere e con Tag , , , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 2 =