Da noi anziché distese… Verdi, quasi il deserto

I veri vincitori delle elezioni europee, al di fuori dell’Italia, impossibile negarlo, sono stati quelli del partito dei “Verdi”, che nel parlamento di Strasburgo hanno conquistato 70 seggi, 18 in più rispetto alla scorsa legislatura.

In tanti paesi d’Europa stanno crescendo, con percentuali a doppia cifra: in Germania sono volati al 21%, in Francia sono arrivati al 12%, nel Regno Unito al 11%, in Belgio al 15%.

Ora come ora possiamo considerarli come la vera alternativa ai sovranisti di destra, al posto delle forze tradizionali di centro e di sinistra.

Le linee guida del progetto del movimento dei Verdi in tutta Europa poggiano sui seguenti pilastri: combattere il cambiamento climatico eliminando il carbone, promuovendo l’efficienza energetica con l’uso delle energie rinnovabili al 100%, avere un’economia verde, garantire un reddito minimo ai cittadini europei, rafforzare la democrazia nelle istituzioni, difendere il diritto di asilo, promuovere un’Europa femminista e stoppare le esportazioni di armi.

Ecco la sostanza politica dei Verdi, apprezzata pure dagli italiani residenti all’estero, che hanno votato il partito per il 10% (mentre all’interno del nostro paese Europa Verde ha conseguito solo il 2% circa).

Così in Italia, si può affermare che anziché distese Verdi, abbiamo quasi il… deserto.

Perché i temi ambientalisti sono visti ancora come un vincolo, come una ristrettezza economica e di sviluppo, quasi come una infelicità sociale, per dire peggio, come un movimento di “rompi c…..i”. Si, anche questa è l’Italia.

Nonostante l’effetto positivo che si è avuto con le iniziative di Greta Thunberg, il nostro popolo, nella maggioranza dei casi, pare legato alle problematiche dello star bene nel proprio orticello, con un occhio ed un orecchio rivolto più che altro alle tasse, all’occupazione, ai migranti e non percepisce minimamente, come avviene invece nelle altre nazioni europee, come la sfida ambientalista, sia collegata allo sviluppo economico ed all’innovazione, nel rispetto dell’ambiente.

Per tutti questi motivi i Verdi da noi non prosperano.

Pubblicato in Politica - Scuola - Società e con Tag , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

tre × tre =