Con un piccolo chip la bottiglia di vino ci parla

Contro i falsi e le contraffazioni le produzioni di vino si stanno organizzando , grazie anche alla tecnologia.

Il pieno rispetto dei cicli ambientali e la cura per il processo artigianale sono gli elementi centrali di una produzione di vino di qualità . E l’Italia in questo campo è al vertice delle classifiche.

Poiché il fenomeno della contraffazione di vino è in forte crescita , visto che se per 1 prodotto realmente made in Italy ce ne sono 3 “falsi” nel mondo,   i produttori stanno  cercando di prendere le contromisure necessarie per eliminare o almeno limitare i danni. Ed allora grazie alla tecnologia vi sono vari sistemi.

images

Oggi vogliamo far conoscere un sistema già utilizzato nel nostro paese, soprattutto nelle aziende agricole venete o umbre.

Si tratta di inserire su ogni bottiglia prodotta un piccolo chip ( componente elettronico ) . Tale chip se accostato ad un cellulare di ultima generazione verrà letto e sullo schermo dello stesso cellulare compariranno una serie di informazioni utili per l’utente. Storia del produttore, tipo del vino, abbinamento con i cibi, eventuale filmato dell’azienda. Così si avrà la sicurezza di bere  davvero l’originale.

Capire se una bottiglia è falsa è tutt’altro che semplice. Con il chip si può !

Pubblicato in Capsule del sapere e con Tag , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

10 − tre =