Che estate è stata?

Che estate stiamo finendo di passare, anche se deve ancora trascorrere settembre, ve lo siete chiesti?

E’ stata un’estate con tanto caldo ma anche con periodici acquazzoni e nubifragi, a volte dannosi.

E’ stata l’estate in cui per la prima volta nella storia della Repubblica un Ministro dell’Interno per un giorno, si è trasformato in DJ, in spiaggia, in costume, a Milano Marittima.

E’ stata l’estate dell’ennesima crisi di Governo, stavolta proprio attorno a ferragosto, con i parlamenti ed i ministri richiamati in tutta fretta dalle ferie.

E’ stata l’estate delle vacanze sempre più mordi e fuggi, con il nostro paese che ha pure visto un calo di presenze non solo sulla riviera romagnola e della Versilia ma anche sulle principali isole, anche perché le nuove mete a basso costo avanzano (su tutte Albania, Bulgaria, Croazia); le nostre bellissime montagne si mantengono appetibili per il turismo, ma come dicevamo sopra, i giorni di soggiorno medio per persona sono ancora in calo.

E’ stata l’estate del tour di concerti di Jovanotti sulle spiagge e sulle montagne della nostra penisola.

E’ stata l’estate dei materassini in spiaggia eccentrici e giganti (moda importata dagli USA) di cui si era ventilata una invasione; invece si è trattato solo di un accenno, anche perché al mondo dell’infanzia, si sarebbe dovuto aggiungere anche quello del pubblico adulto, che invece pare abbia desistito.

E’ stata l’estate di un calciomercato statico, tanto chiacchierato ma poco formalizzato, con tutti in attesa di vendere prima di comprare.

E’ stata l’estate in cui la città di Roma, per una volta, è rimasta un po’ in “ombra”, senza che siano emersi, per fortuna, ulteriori scandali o nuove mancanze.

E’ stata l’estate dove in giro, sulle autostrade, si sono visti tanti autobus (pieni) FlixBus, compagnia che sta diventando il nuovo mezzo per viaggiare in Italia ed in Europa low cost (FlixBus ha inoltre ideato il primo biglietto ispirato all’interrail per visitare l’Europa in autobus).

E’ stata l’estate delle proteste popolari a Hong Kong, cominciate agli inizi di giugno in opposizione a un disegno di legge che avrebbe consentito l’estradizione di persone da Hong Kong per essere processate nella Cina continentale.

E’ stata l’estate… fermiamoci qua, che ancora fa troppo caldo…

Pubblicato in Cultura - Media, Notizie e con Tag , , , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 × due =