Alcuni Paesi sono Bassi, ma non vanno sotto

L’Olanda, anzi i Paesi Bassi.

Perché ormai è ufficiale. Se prima c’era indecisione su come chiamare quella nazione, ora il governo olandese lo ha definitivamente stabilito. Negli atti e nei documenti ufficiali si potrà scrivere esclusivamente Paesi Bassi e non più Olanda, che in realtà è il nome di sole due delle dodici regioni della nazione.

I Paesi Bassi si chiamano così proprio perché sono bassi; il territorio è situato per circa 2/5 al di sotto del livello del mare e supera raramente i 100 m d’altitudine.

A nord-ovest la lunga costa è bagnata dal mare del Nord, come pure tanti sono i fiumi ed i canali che attraversano il paese.

Già sono bassi, poi sono accerchiati dall’acqua del mare e dei fiumi e da molte tempeste di acqua e vento. Ed allora si dovrebbe pensare ad un continuo allagamento, anche perché con le variazioni climatiche di questi ultimi anni, le problematiche ambientali in Europa sono all’ordine del giorno.

Invece tra le tante nazioni soggette a calamità naturale, il territorio dei Paesi Bassi, molto esposto, è ben protetto da grandi catene di dune e dighe che,  si sono iniziate a costruire già in epoca romana.

Una catena di dune e dighe lungo le coste e le rive dei fiumi principali impediscono che queste zone vengano inondate, mentre numerose stazioni di pompaggio provvedono a rimuovere l’acqua piovana in eccesso nelle altre aree.

Se fin dall’epoca romana si è pensato a risolvere il problema e si è continuato nel tempo con la tecnologia a lavorare in tal senso, migliorando le difese, senza ritardi o errori, anche il punto debole della morfologia del territorio è stato comunque messo a bada dall’uomo.

Perché l’attuale morfologia del Paese, in gran parte determinata dall’opera di trasformazione umana (il territorio può essere definito il più “artificiale” del mondo), è nel suo complesso organica.

Senza le dune a difesa del mare e le dighe che canalizzano i letti dei fiumi o si oppongono al mare, quasi un terzo del territorio sarebbe perennemente sommerso.

Prendiamo spunto, ce ne sarebbe tanto bisogno, ma prima dobbiamo cambiare il nostro modo ragionare.

 

Pubblicato in Cultura - Media, Mondo e con Tag , , , , , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

dodici − 2 =