A Bristol il bus che va con i bisogni umani

La città di Bristol, nell’Inghilterra del Sud, è stata eletta, per l’anno che sta per terminare,  la Capitale Verde d’Europa. Sarà mica per l’utilizzo della “cacca” come energia alternativa ?

immagineA Bristol le novità sono tante, partendo dalla ferrovia dismessa tra Bristol e Bath, dove è stato creato il primo tratto delle rete ciclabile che oggi copre oltre ventimila km.

La  città infatti, grazie al coriaceo  sindaco Ferguson, non sempre amato per le sue leggi,  cerca di indirizzarsi verso un modello di sviluppo e di vita sostenibile, che ha portato alla città l’attestato di Capitale Verde d’Europa per l’anno 2015.

Limite di 32 km/h nel centro cittadino ( per favorire l’utilizzo delle due bici e per ridurre drasticamente le emissioni di Co2 ), la  proposta alle scuole di piantare, entro il 2016 , un albero ogni bambino, l’utilizzo di una moneta alternativa locale, il Bristol Pound, per cercare di rilanciare l’economia locale.

Ecco alcune delle disposizioni già attuate a Bristol.Ma non solo.

A Bristol è in funzione da un po’ di tempo, il primo autobus di linea alimentato dai bisogni umani. Si, proprio dalla “cacca” !

Soprannominato  “Poo Bus”, cioè Bus di Cacca, collega  l’aeroporto di Bristol alla città di Bath. Dispone di 40 posti ed è alimentato da un biocarburante generato dai rifiuti alimentari e dai bisogni umani . Ha una autonomia di 186 miglia.immagine1

E per le emissioni del bus quale rimedio? Se intendiamo la puzza, il mezzo è provvisto di potenti filtri che la eliminano. Se intendiamo le emissioni di Co2, con tale sistema sono abbattute del 30%.

Il bio-gas , di fatto un metano, non solo alimenta il bus, ma anche una parte della rete domestica cittadina.

Mai come in questo caso è appropriato il  detto che …. ogni sforzo dà i suoi frutti …

Pubblicato in Mondo, Notizie e con Tag , , , , . Usa il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

undici − cinque =